Ciò che è buono può sempre migliorare

Il calcestruzzo mantiene le proprie quote di mercato, come illustra Martin Maniera, direttore politica economica, nell'edizione di quest'anno di Zahlen und Fakten. Il consumo di questo materiale è invariato da anni. Ora, però, vanta una maggiore sostenibilità. 

L'università di S.Gallo vuole rendere possibili forme didattiche avveniristiche attraverso un nuovo centro studi. Anche l'esecuzione dell'opera ha carattere avveniristico: su un totale di 6000 metri cubi di calcestruzzo, utilizzati nell'HSG Learning Center, circa la metà sarà costituito da Evopact Plus di Holcim, che contiene il cemento Susteno a basso impatto ambientale.  Il materiale è fornito dallo stabilimento Holcim di S.Gallo distante solo 3 km dal cantiere. Marcel Kunz, capo muratore presso il costruttore Feldmann Bau, si dichiara convinto del nuovo calcestruzzo: «Per noi è stato un esperimento, perché era la prima volta che lavoravamo con questo prodotto. Dopo aver fatto un po' di esperienza con il comportamento del materiale, devo dire di esserne molto soddisfatto. È un calcestruzzo eccellente.» Un altro aspetto interessante relativo alla sostenibilità è inoltre il sistema a corpo cavo, utilizzato dal costruttore: da 900 a 1200 corpi cavi circa per stock vengono annegati direttamente nei solai, in modo da ridurne di circa il 17% il peso e migliorando il comportamento dell'edificio in caso di evento sismico. «Ogni corpo cavo ha una capacità di circa 13 litri. Per ogni fase di betonaggio si risparmiano tra 13 e 15 metri cubi di calcestruzzo» afferma Marcel Kunz. Il sistema con corpi cavi nel calcestruzzo è stato presentato per la prima volta alla Swissbau 2010 e allora si è aggiudicato il premio sostenibilità. Si ispira alla natura, più esattamente alle ossa, le quali contengono anch'esse corpi cavi ma sono più resistenti di quanto non lo sarebbero senza.

Con questa nuova costruzione l'HSG punta a stupire non solo in termini di sostenibilità ma anche di linguaggio architettonico. Viene utilizzato cemento bianco per strutturare l'aspetto delle forme architettoniche particolareggiate.

Ottimo materiale da costruzione 

Questo esempio dimostra che il calcestruzzo è sulla strada per diventare più ecologico, ma senza rinunciare alle sue ottime caratteristiche, in particolare in termini estetici. La novità è l'impiego di un misto granulare (materiale di demolizione trattato) nella produzione del calcestruzzo, come avviene ad esempio nel caso del succitato cemento Susteno di Holcim. Recenti ricerche hanno dimostrato che anche il cemento realizzato con misto granulare presenta ottime qualità per l'edilizia del soprassuolo. Inizialmente il prodotto suscitò non poche perplessità.

Il pioniere prosegue la sua strada 

Eberhard è uno dei pionieri nel campo del calcestruzzo riciclato. L'azienda mise in funzione il suo primo impianto di riciclaggio nel 1983 e nel corso degli anni ha trasformato 450 000 metri cubi di materiale di demolizione in calcestruzzo riciclato. Un robot a portale smista il misto granulare e rimuove parti come la plastica che non devono essere trattate. Con EbiMIK Eberhard sta pianificando un'ulteriore espansione in questo campo. Saranno realizzati tre nuovi impianti con robot intelligenti.

«Il settore è aperto a queste soluzioni» 

«Nel nostro settore, in particolare presso KIBAG, utilizziamo da anni e in maniera sempre maggiore materiali riciclati. E lo facciamo ogni volta che possiamo. Il mercato e il relativo potenziale sono già pienamente sfruttati in molti ambiti. Asfalto, mattoni silico-calcarei, mattoni, materiale di demolizione di calcestruzzo e misto, legno, cartoni e tanto altro. Tutto ciò che è minerale e non minerale viene riciclato in base alle possibilità. Offerta e opportunità di vendita sono determinate dal mercato, da valori limite di legge, norme ambientali e così via. Personalmente ritengo che i committenti siano essenzialmente molto aperti nei confronti dei materiali riciclati, e non abbiano riserve in merito», dichiara Ulrich Widmer, CEO di KIBAG Holding.

Nel campo dei i materiali del settore edilizio viene utilizzato sempre più spesso lo slogan seguente: riciclare anziché conferire in discarica. Questo è il futuro.

Circa l'autore

pic

Susanna Vanek

redattrice «Giornale Svizzero degli Impresari-Costruttori»

svanek@baumeister.ch

Condividi questo articolo